Suggerimenti per vendere un capannone

La vendita di un immobile non è semplice, per un immobile industriale/comemciale ancor meno. I motivi per cui si può trovare difficoltà  nella vendita sono vari e dipendono da diversi fattori, tra cui, soprattutto le caratteristiche dell’immobile stesso, le sue condizioni, la presa in considerazione di ripiegare in una buona locazione, la possibilità di sfruttamento e, non ultimo, l’andamento del mercato immobiliare.

Vediamo quali possono essere le mosse migliori per vendere un capannone industriale o commerciale.

Per prima cosa, è importante che realizzare che difficilmente si potrà vendere un capannone senza una stima effettuata da un professionista che ne definisca al meglio le reali condizioni e stabilisca un range di prezzo onesto al quale poter mettere in vendita l’immobile. Quando si parla di prezzo ‘onesto’ si deve intendere non solo il valore assoluto, ma anche quello relativo all’andamento del mercato nel periodo in cui decide di effettuare la vendita.

Le condizioni in cui si trova l’immobile sono fondamentali, ma ancora di più, a determinare un buon prezzo per il venditore, sarà la posizione. Un capannone commerciale o industriale in ottime condizioni che non sia ben collegato può essere valutato ad un prezzo inferiore rispetto ad uno in condizioni non ottime, ma che sia posizionato in una zona strategica, collegata bene e vicina a strutture quali tavole calde, ristoranti, bar o negozi che possano migliorare le condizioni di chi lavora all’interno dell’immobile. Nel caso non sia in perfetto stato, potrà essere utile fare un piccolo investimento per effettuare delle migliorie che permettano di presentarlo al meglio agli eventuali acquirenti. Perchè, si sa, la prima impressione è sempre la più importantevendesi!

 

 

Immobili industriali

in questi giorni ricevo molte richieste di assistenza da parte di imprenditori che vogliono vendere il proprio capannone, nel quale per altro a tuttoggi esercitano la propria attività, sempre più spesso vendere vuol dire cedere unicamente l’immobile, perchè l’attività imprenditoriale vera e propria (intendo i macchinari, l’avviamento, etc) non otterrebbe richieste da parte di potenziali acquirenti, in risposta dico loro che oggi si può puntare “anche” ad un contratto di affitto: vi sono aziende che puntano al downsizing e imprenditori che, per rischiare meno nello start up, sarebbero interessati ad affittare anche i macchinari,  e soprattutto assumere i dipendenti!capannone nov 13