100.000 Capannoni in vendita in Italia

Capannoni tantiE’ arrivato il momento per una seconda vita per i circa 100.000 capannoni in vendita in Italia: start up, incubatori, nuove imprese, depositi per e-commerce, riconversioni possono aiutare a sfruttare infrastrutture già esistenti sul territorio e rilanciare intere aree.Dopo la crisi economica che ha portato alla dismissione di numerosi capannoni, soprattutto nelle aree manifatturiere, è arrivato il momento della riconversione e delle nuove opportunità per tutti coloro che vogliono fare impresa.
Continua la lettura di 100.000 Capannoni in vendita in Italia

Tutto quello che c’è da sapere sulle aste immobiliari, modalità e richiesta mutuo

asta-immobiliareAnche per il 2014 aumentano, secondo l’ABI, le sofferenze bancarie e con esse il numero di esecuzioni immobiliari causate da insolvenza. Ma se i dati allarmanti mostrano un mercato immobiliare in crisi, sono in crescita le opportunità di investire nel mattone realizzando consistenti risparmi. Eppure spesso le aste immobiliari restano deserte, colpa della difficoltà di accedere al credito ma anche di una sfiducia nei confronti di un canale di vendita non convenzionale. Ecco alcuni consigli per poter partecipare ad un’asta immobiliare con le dovute cautele.
MUTUI AD HOC PER LE ASTE IMMOBILIARI
Al fine di favorire la partecipazione alle aste immobiliare, alcuni istituti di credito hanno stipulato convenzioni con i Tribunali con l’obiettivo di rendere più agevole l’accesso a mutui ipotecari. In particolare, in sede di pubblicazione dell’avviso di gara, verrà data indicazione della possibilità di accendere un mutuo presso un elenco di banche convenzionate. Sarà così possibile stipulare un contratto preliminare di mutuo che, in caso di mancata aggiudicazione, verrà annullato. Ultimamente infatti, si è sempre più diffusa la prassi di richiedere i mutui online come questo, particolarmente utili per disporre di una panoramica dettagliata di tutte le offerte presenti nel mercato e poter confrontare le condizioni migliori.

COME PARTECIPARE AD UN’ASTA
Per acquistare un immobile all’asta, primo passaggio fondamentale è quello di acquisire tutte le informazioni pubblicate nell’avviso di vendita che contiene l’ordinanza di vendita: descrizione dell’immobile, prezzo di base, termine di presentazione delle offerte, data e luogo dell’udienza. Estremamente utile, come consiglia Enzo Di Meo, esperto immobiliarista, è visionare la perizia tecnica disponibile presso la Cancelleria del Tribunale e, se possibile, visionare l’immobile, contattandone il custode giudiziario. Nell’ordinanza sarà, tra l’altro, specificato in che modo inoltrare l’offerta di acquisto: l’offerta andrà presentata in busta chiusa con contestuale versamento di una cauzione pari al 10% del valore dell’immobile (asta senza incanto) oppure in carta legale senza indicazione del prezzo ma con versamento della cauzione stabilita nell’avviso stesso (asta con incanto).

SVOLGIMENTO DELLE ASTE IMMOBILIARI
Lo svolgimento di un’asta può avvenire con modalità con o senza incanto. Nell’asta senza incanto le offerte vengono presentate in busta chiusa: nel caso in cui ci sia un solo offerente, l’immobile viene immediatamente aggiudicato, altrimenti si procede ad una gara con l’incanto in cui gli offerenti propongono dei rilanci successivi.
Nel caso di asta senza incanto, l’aggiudicazione è sempre definitiva mentre nell’asta con incanto l’aggiudicazione è provvisoria: se durante i 10 giorni successivi all’udienza venisse presentata una nuova offerta superiore di 1/5 dell’offerta aggiudicataria verrebbe indetta una nuova gara.
In seguito all’aggiudicazione il giudice provvederà ad emettere il decreto di trasferimento, con cui la proprietà dell’immobile viene trasferita. Entro 60 giorni dalla data di aggiudicazione, il vincitore dell’asta dovrà versare il prezzo pattuito, al netto della cauzione già versata.